Pendolari Milano->Torino: anche loro seguono Pendolando!

by Pendolando on November 6, 2009

Stasera ho ricevuto una mail di solidarietà pendolare, che mi ha fatto piacere, per cui faccio che pubblicarla qui sul blog.

E’ scritta da un pendolare sui generis, dal mio punto di vista, perchè ogni giorno fa il percorso esattamente opposto al mio: parte da Milano ogni mattina per andare a lavorare a Torino.
Mi son sempre chiesto cosa può spingere tante persone della “ricca” milano verso la nostra “parca” Torino. Ora ho le idee un pò piu chiare…

Sono Mimmo un pendolare Senior d’età ma Junior di viaggio insieme ad altri mie colleghi del Gruppo Fiat.
Invece di usare il treno usiamo il bus in senso inverso al tuo da Milano a Torino e viceversa, partenza di buon ora alle 6.15.

Aspettiamo con interesse di conoscere quali saranno gli orari nuovi dell’Alta velocità, ma abbiamo già letto una notizia non buona quella che il primo treno parte da Milano alle 8.

Per noi sarebbe l’ideale un treno che parta da Milano alle 7 e che fermi a Torino Stura vicino al grande comprensorio industriale dove ci sono molte aziende del Gruppo Fiat e di altre importanti Multinazionali come l’Oreal.

[…]

Tanti cari saluti e…….buon pendolamento

PS : E-mail inviata dal bus Torino Milano alle ore 18.12 venerdi (buon week a tutti…) 6 novembre

Caro Mimmo, spero che i nuovi orari di trenitalia, che saranno disponibili sul sito dal 15 Novembre, prevedano delle corse nuove rispetto a quelle annunciate, così che possiate evitare di farvi il viaggio in bus ogni giorno.

Ti ringrazio della preziosa  testimonianza e buoni viaggi anche a voi della Milano Torino!

Related posts:

  1. Stop a 12 tratte piemontesi. I pendolari dicono la loro.
  2. Adesivi Sveglia-Pendolari: quando anche a Milano?
  3. RadioArticolo1 intervista Pendolando: Consumeradio sui Pendolari To-Mi
  4. Petizione Pendolari Frecciarossa Milano Torino

{ 5 comments… read them below or add one }

daniele November 24, 2009 at 7:52 am

ciao,
da tre mesi abito a Milano perchè lavoro un pò a torino e un pò a mantova. Ho comprato un motorino, affittato un posto nel garage di porta susa e da qualche mese mi ritenevo abbastanza fortunato perchè in dieci minuti riuscivo a raggiungere il posto di lavoro (dalle parti di corso giulio cesare). E adesso che faccio? sono disposto a trovarmi il 5 a porta susa per protestare sia per la soppressa fermata sia per gli orari nuovi. grazie ciao

Reply

fabrizio November 20, 2009 at 8:03 pm

Scusate, ma ho inviato per errore solo parte del mio post che ora rigiro completo:

Ciao Roberto!
Anch’io come tutti voi sono un pendolare e anch’io dal prossimo anno pendolerò sull’asse Milano-Torino (causa matrimonio e conseguente trasferimento in quel di Rho).
La situazione di Rho ha anticipato a luglio quello che è successo a Porta Susa in questo fine d’anno: ad un certo punto la fermata di Rho è stata soppressa per tutti i treni che non fossero suburbani; gli IR, IC, ES e AV sono stati dirottati nella nuova stazione di Rho fiera, che in teoria dovrebbe essere la nuova stazione di interscambio, ma in pratica è una stazione fantasma (senza personale nè servizi a disposizione) se non quando ci sono grosse fiere (vedi EICMA di settimana scorsa…).
Il problema è che mentre la soppressione di PS è temporanea, quella di Rho è definitiva ed inelluttabile, se si fa eccezione per i pochi treni riportati a Rho dopo sollevazione popolare, ma che probabilmente verranno nuovamente spostati col nuovo anno.
Per concludere ditemi voi cosa dovrei fare io: protestare per la soppressione della fermata di Porta Susa? Sicuramente, lo faccio e continuerò a farlo, certo però che questa estate nessun pendolare della Torino-Milano ha mosso becco per segnalare l’incongruità di Rho, anzi: ho sentito qualcuno perfino complimentarsi con Trenitalia, visto che a Rho fiera ferma anche la metro rossa ed è una opportunità in più, salvo dimenticarsi di considerare che la metro a Rho fiera si può sì prendere ma con biglietto extraurbano che se non sbaglio costa 0,50 Euro in più, a corsa…
Scusate lo sfogo!

Reply

claudio November 16, 2009 at 11:20 pm

i nuovi orari per chi va da MILANO a TORINO sono un disastro.
andata 8.00 arrivo 9.00 quindi perennementeb in ritardo sul posto di lavoro se anche solo fosse a due passi.
ritorno 2 alternative 18.00 da porta nuova,partenza troppo anticipata per chi si ferma in ufficio a recuperare o compensare il ritardo accumulato nella mattina,
ricordiamo che l’orario lfessibile e di norma dalle 8.00 alle 9.00…..non piu tardi.
oppure partenza, da sempre Porta Nuova e NON Porta Susa alle 20.30,con arrivo a Milano alle 21.30.
insomma dire assurdi e dire poco.sono una presa in giro che non tine conto di chi realmente USA IL SERVIZIO.
ideale sarebbe un frecciarossa alle 7.00 alla mattina
per Torino ed un ritorno alle 18.30 o 19.00.
spero molti si facciano sentire,la situazione comincia a diventare insostenibile.

Reply

marco November 9, 2009 at 9:05 am

Buongiorno a tutti, qualcuno mi sa dire per favore se esiste unmodo per verificare l’effettivo orario di arrivo di un treno ‘a posteriori’ , cioè per esempio vorrei oggi verificare l’orario di arrivo effettivo di un treno del 18 ottobre?

grazie in anticipo

marco

PS si tratta di un AV Fast che all’arrivo fu annunciato in ritardo di 28 minuti (erano 30 e rotti peraltro) ma ora Trenitalia mi comunica che non ho diritto al bonus..

Reply

Roberto November 9, 2009 at 12:57 pm

Ciao Marco,
l’unico strumento agile che conosco per verificare gli orari effettivi dei treni è questo:
http://mobile.viaggiatreno.it

che consente di sapere i ritardi dei treni della giornata in corso (un pò come il servizio viaggiatreno, ma piu’ accessibile).
Il problema è che, a meno che qualcuno non si prenda la briga di fare una estrazione automatica (“grab”) degli orari dei treni che interessano giorno per giorno, non credo sia possibile farsi dar i dati “retroattivamente”.

Il collega Sergio Fortini del blog “Il NON pendolare” è riuscito a fare questa estrazione automatica sui ritardi dei treni di suo interesse (rischiando coraggiosamente qualche querela da Trenitalia) e con questi dati produce le sue Tabelle con tutti i ritardi del mese che si chiamano TardaViaggio.

Comunque, per il tuo bonus, considera che Trenitalia è abilissima a trasformare le percezioni degli utenti circa il tempo e lo spazio. 30 e rotti minuti di ritardo diventano in genere 25 o 28 grazie a sistemi di misurazione del ritardo definiti su metriche ad hoc che nulla hanno a che vedere con le comuni categorie kantiane universali di spazio e tempo :-)

Leave a Comment

{ 1 trackback }

Previous post:

Next post: