Ripristinata la fermata Alta Velocità di Porta Susa!

by Pendolando on November 24, 2009

Frecciarossa ritorna a Porta Susa
L’ho letto sulla versione digitale di ePolis Torino di oggi.

Ho fatto uno screenshot dell’articolo che titola Frecciarossa anche a Porta Susa, nuovi treni per i pendolari.

Dove sono finiti tutti i problemi logistici di circolazione dei treni di cui parlava Moretti ? 😉

Finalmente qualche buona notizia…ma a che prezzo ?!… 😉

UPDATE!
Sul sito di trenitalia noto inoltre che risulta possibile adesso acquistare gli abbonamenti per Dicembre 2009.

i prezzi risultano invariati rispetto al mese scorso (€ 218.50 per l’Alta Velocità in 2°classe, € 275.50 per la 1°classe).

Related posts:

  1. Trenitalia sopprime la fermata AV di Porta Susa dal 13 Dicembre
  2. Petizione ripristino fermata Porta Susa per il Frecciarossa 9554
  3. Muri di Porta Susa in odore di ‘ndrangheta
  4. Porta Susa chiusa per “vapori” i primi di Settembre

{ 19 comments… read them below or add one }

claudio November 26, 2009 at 12:51 am

X elleci:
mi stupisco che non sia pervenuta nessuna richiesta o protesta dai pendolari di Milano, sentendo i discorsi dei frequentatori abituali, sembra che comunque in molti si stiano adoperando,singolarmente o in “gruppi” in protesta alla situazione per ora proposta, fornendo anche soluzioni aggiuntive od integrative.
Se fosse possibile avere una lista COMUNE,di riferimento per TUTTI, sia per Milano che per Torino di indirizzi Trenitalia,istituzioni,nomi,enti,responsabili,comuni,uffici regioni,chiunque altro utile al caso, sarebbe un azione maggiormente incisiva ed efficace anche a mio avviso,partendo dal presupposto che in ENTRAMBI I SENSI DI MARCIA di chi e pendolare su questa tratta,transita su entrambe le “competenze” preposte allo sfruttamento del “servizio”.
se mettessimo insieme questo tipo di lista,accompagnata da uno stralcio di testo COMUNE dei punti esssenziali, credo potrebbe aiutare tutti.
suggerimenti benvengano sempre.

Reply

Danila November 25, 2009 at 11:01 pm

I risultati ottenuti sono davvero PARZIALI: come si può pensare che un pendolare (quindi lavoratore) esca dall’ufficio alle 16.30 o giù di lì per prendere il treno AV alle 17.15 da Milano Centrale per Porta Susa?
Anche gli orari del mattino non mi sembrano molto razionali… il treno delle 7.40 sarà pienissimo (con o senza Porta Susa). Inoltre con l’assenza degli IC (quelli ripristinati sono in orari ridicoli) non ci è data possibilità di scelta… neanche per motivazioni economiche… non solo logistiche… Non capisco come i nostri rappresentanti (??) politici possano essere contenti dei risultati!!!!!

Reply

elleci November 25, 2009 at 6:34 pm

Claudio, hai per caso la possibilità di fare arrivare la protesta dei pendolari Milano>Torino a qualche istituzione e mezzo di comunicazione lombardo (ad esempio regione, comune, Corriere)? Fino ad ora le uniche proteste sembrano arrivare da Torino, mentre credo sarebbe utile attaccare Trenitalia anche da Milano.

Reply

Edoardo November 25, 2009 at 6:30 pm

L’ENNESIMA PRESA IN GIRO
E I POLITICI PIEMONTESI SONO PURE SODDISFATTI!!

Reply

claudio November 25, 2009 at 6:07 pm

ricordo che, e credo di parlare per tutti,
per i pendolari MILANO>TORINO e ritorno:
necessita un treno verso le 7.00 da Milano Centrale per Torino,che fermi a PORTA SUSA.
inoltre necessita un treno AV che parta da TORINO PORTA SUSA allle 19.00 con arrivo in MILANO CENTRALE alle ore 20.00.
all’ordine del giorno aggiungete anche questa esigenza

Reply

roby November 25, 2009 at 2:01 pm

Buongiorno a tutti, in considerazione degli ultimi e ridicoli sviluppi ….2
treni su sette che fermeranno a P.S. e nessuna voglia di aggiungere coppie di
treni in modo strategico……si sta cercando di fissare un incontro con
Chiamparino / Bresso in modo da delucidarli sugli effettivi problemi e
risoluzioni circa il nuovo orario AV invernale……..basterebbe anticipare di
40 minuti l’Av delle 8 e 40 ( idem per il ritorno) e aggiungere un AV per
Milano intorno alle 12 e 30 13 ed uno da Milano intorno alle 14 e 30……..
ovviamente tutti dovrebbero fermare a To P:S. senza distinzione……….si
accettano conoscenze da parte di tutti voi al fine di accellerare tale
incontro, che dovrà aver luogo entro e nn oltre il 4 Dicembre.

Reply

roby November 25, 2009 at 10:38 am

come si fa a pensare a un’ offerta Av seria ….con un buco attuale di 6 ore tra le 8 e 40 e le 14 e 40???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????e cn 7 treni in tutto il giorno….un miliardo a treno per un totale di 7 miliardi di euro…………….Costo realizzazione tracciato AV TO MI…che vergogna…………………..

le richieste attuali rispecchiano solo le esigenze dei pendolari nn turnisti……orario d’ufficio 9 /18….nn esistete solo voi esistono anche i turnisti……che alternano mattino e pomeriggio ……quindi devono mettere un AV alle 12/13 per milano e ripristinare l’AV da Milano Centrale per Torino delle 14.43….ieri quest’ultimo treno era pieno…….
Questa potrebbe essere la terza richiesta…..
Ma chi ha stabilito le soppressioni, un idiota senza senso.

Reply

Roberto-Admin November 25, 2009 at 8:26 am

Cavolo se questi sono gli orari, siamo solo a metà dell’opera!!
Al mattino a Milano ci arriviamo anche da Porta Susa, ma al ritorno non si capisce proprio come arrivare se non ripristinano almeno la fermata per il 18.58 da Garibaldi!

Di fatto in pochi farebbero l’abbonamento AV a queste condizioni. Che fregatura..

Reply

davide November 24, 2009 at 10:33 pm

Ma è uno scherzo???Innanzitutto sarebbe la dimostrazione che l’intralcio ai treni pendolari è una balla colossale…
Dopodichè dovrebbe fermare a PS quantomeno il treno che parte da Milano alle 18.58…e dovrebbero fermare anche i treni dei pendolari da Milano a Torino (in arrivo a PN alle 9 e in partenza da PN alle 18).
Gli Intercity in quegli orari non servono a nessuno…e permane il problema delle scarsissime frequenze soprattutto nelle ore di punta!
Non capisco come il sindaco Chiamparino possa ritenersi soddisfatto, ma la protesta deve continuare!

Reply

elleci November 24, 2009 at 10:19 pm

Ma se fermano alle 7:50 e alle 18:05 a Porta Susa, cioè nell’ora di punta, con quale scusa non fermano negli orari più tranquilli?

E a cosa serve la coppia di intercity in quegli orari del cavolo (alle 9 da Milano e alle 12 da Torino)?

Secondo me la protesta deve continuare…

Reply

Silvio November 24, 2009 at 9:03 pm

Ecco le concessioni di Moretti. Sono qualcosa, ma ancora troppo poco per quanto riguarda il ritorno da Milano. Resterebbe quel buco tragico dalle 17,15 alle 18,58.

Reply

Roberto-Admin November 24, 2009 at 7:17 pm

Gabriele, hai troppa fiducia nell’efficienza del sito Trenitalia :-)
Il valore di 52 che vedi sul sito è frutto di un errore del sistema, non a caso se provi ad acquistare il biglietto per la 2° classe non puoi farlo.

Anche l’ufficio assistenza ha confermato questa cosa ad un collega pendolare che ha chiesto chiarimenti per cui mi sento di rassicurarti che questa cosa del prezzo a 52 è una bufala e possiamo metterci una pietra sopra.

Reply

Gabriele November 24, 2009 at 2:26 pm

Questa è una buona notizia ma non risolve il problema maggiore: il costo dei biglietti/abbonamenti. Da marzo il prezzo dei biglietti sarà di 52 euro per la seconda classe, l’abbonamento quanto costerà? 500 euro?

Secondo me bisogna insistere molto su questo punto perchè è molto più importante della fermata di porta susa. Cosa ce ne facciamo di treni in più che fermano a porta susa se poi con questa politica di prezzi risultano inaccessibili??

Gabriele

Reply

Edoardo November 24, 2009 at 2:16 pm

Ciao
la fonte è EPOLIS.. “La Stampa” si limita a riportare la notizia..

quindi io aspetto a gioire..

Su Trenitalia.it scrivono però che domani metteranno tutti gli orari.. quindi aspettate a fare gli abbonamenti…

Notavo tra l’altro che non c’è più il treno di ritorno delle 14:43 .. incredibile..

Reply

Alex November 24, 2009 at 1:53 pm

La lotta paga.

Reply

elleci November 24, 2009 at 12:01 pm

Speriamo che la notizia venga confermata. Anche perchè se gli AV continuano a fermare a Porta Susa risulterà subito evidente l’insufficienza del loro numero negli orari dei pendolari, e credo che abbastanza presto Trenitalia ne metterà degli altri. Saltando Porta Susa c’era il rischio che il grosso dei viaggiatori Torino-Milano sarebbe passato agli IC, ai regionali e all’automobile – e quindi saremmo andati avanti per anni con i pochissimi treni previsti dal nuovo orario.

Reply

steo November 24, 2009 at 11:48 am

confermo la possibilità di acquistare l’abbonamento AV allo stesso prezzo del mese scorso. Almeno per dicembre non ci sono variazioni anche perchè se la gente lo ha già acquistato trenitalia non potrà mica far pagare un sovraprezzo.

Reply

Gianni November 24, 2009 at 11:42 am

Dobbiamo insistere, dai che qualcosa si ottiene, e qualcosa e meglio di niente. Scrivete ai politici, a tutti i livelli e soprattutto mi raccomando, siate bipartisan. La nostra non è una questione politica, è una questione di sopravvivenza.
Fate capire che ci sono dei problemi, non molliamo l’osso.
A me molti hanno risposto e si sono interessati.
Mi raccomando.

Gianni

Reply

Gianpaolo November 24, 2009 at 11:17 am

Per essere una buona notizia lo è. Bisogna vedere se la notizia è affidabile. Per il momento non ho notato aggiornamenti sul sito de LaStampa o cambiamenti sul sito di Trenitalia. La domanda su dove siano finiti gli insormontabili problemi di cui parlava Moretti è assolutamente legittima e dovrebbe far riflettere i pendolari regionali che avevano abboccato al tranello scagliandosi contro di noi come se fossimo pendolari ricchi contro di loro, come se fosse una lotta di classe.

Reply

Leave a Comment

Previous post:

Next post: