Mantra motivazionale per il pendolare Torino Milano

by Pendolando on December 3, 2009

meditation-mantra

Stamattina alle 6 e 10, quando è suonata la sveglia, proprio non me la sentivo di alzarmi e mettermi in viaggio. E’ qualcosa che capita periodicamente al pendolare la cui sede di lavoro disti oltre 2 ore di tragitto da casa.

Mettermi in viaggio, sembrava qualcosa di assolutamente contrario ad ogni legge di natura, come guidare a fari spenti nella notte o mettere il parmigiano sul pesce.

Ho cercato nella memoria qualche leva motivazionale di quelle toste, che ti fanno schizzare fuori dal letto, come facevano i Samurai dell’antico Giappone immaginando di avere dei serpenti nel letto o robe simili.

Ho provato a visualizzare i volti radiosi dei miei colleghi di lavoro, sempre entusiasti di vedermi materializzato a Milano ogni giorno, che mi richiamavano affettuosamente al dovere…Ma ancora non bastava a darmi la spinta per buttarmi giù dal letto.

mantra-pendolare
Alla fine mi è affiorato alla mente il ricordo di un antico mantra suggeritomi da un signore di Varese che fu mio compagno di stanza/cella durante un ritiro intensivo di meditazione a Obolo di Gropparello, diversi anni fa. All’epoca non fui in grado di apprezzare la portata di quel messaggio e  il carattere profetico che avrebbe assunto nella mia vita. Ma  ora riecheggiava nella mente in tutta la sua saggezza e potenza motivazionale.

Il mantra, pronunciatomi a suo tempo in una lingua antica a stento comprensibile, che provo a riprodurre, recitava pressappoco così:

Chi – volta – ‘l – cul – a – Milàn, – volta – ‘l – cul – al – pan

Chi – volta – ‘l – cul – a – Milàn, – volta – ‘l – cul – al – pan

Che tradotto letteralmente significa:

Colui che volta le spalle a Milano, è come se voltasse le spalle al sostentamento materiale.

Ripetendo il mantra qualche volta, lasciandolo penetrare negli strati più profondi del mio inconscio, mi sono ritrovato miracolosamente in piedi, motivato a resistere ancora un pò e ad affrontare un’altra giornata da pendolare.

E tu, quale tecnica usi per motivarti al mattino? Dove trovi la forza per fronteggiare la prossima complicazione logistica che Trenitalia ha in serbo per te?

Related posts:

  1. Un Bodhisattva in metro: video motivazionale per pendolari

{ 1 comment… read it below or add one }

simo December 3, 2009 at 11:38 am

Come trovo le motivazioni x alzarmi alle 5:33 e prendere l’ES 9707 (qualsiasi AV del mattino parte troppo tardi per me)? Semplicemente penso: ” Nel mondo c’è chi sta peggio!”.
La magra consolazione di chi pratica pendolarismo estremo

Reply

Leave a Comment

{ 1 trackback }

Previous post:

Next post: