Ecco i frutti del nuovo orario Trenitalia: ritardi abissali e niente posto per i pendolari AV Torino Milano

by Pendolando on December 14, 2009

Update Giovedi 17 p.m
Basta illusioni. L’Alta Velocità tra Torino e Milano è solo un puerile sogno, una chimera, roba di fantascienza per nostra signora Treni-Taglia. I Frecciarotta si stanno rivelando di fatto meno performanti di qualunque treno regionale.
Se fossero persone ne parlerei con il rispetto che si deve ai ritardati, ma siccome sono solo dei treni, posso dire senza scrupolo che si tratta probabilmente della più grande bufala/truffa/cantonata della storia dei trasporti italiani.

Stasera torno a Torino con Regionale/IC.
Se Trenitalia non dà segnali forti e chiari di ripresa sull’AV nei prossimi giorni, continuerò con i Regionali anche a Gennaio.

Nel frattempo vedo se riesco a trovare un modo di prelevare in automatico dal sito di trenitalia tutti i ritardi AV per confrontarli con quelli dei regionali, come ha fatto il collega NONpendolare con il suo TardaViaggio.

Update Mercoledi 16 p.m.
Mi sta passando la voglia di riportare i ritardi, stasera il “Frecciarotta” è partito da Milano con 40 minuti di ritardo!! Stamattina erano (solo) 10 da porta susa.
Al 3° giorno di Armageddon abbiamo accumulato circa 160 minuti di ritardo su 300 minuti circa di viaggio complessivo in quel fiore all’occhiello dei trasporti che è il Fecciarossa.
In Giappone, con inadempienze del genere, c’è gente che farebbe Harakiri, qua si riesce solo ad ampliare la soglia di ritardo per richiedere i rimborsi facendola passare da 30 a 60 minuti

Update Martedi 15 p.m.
Ho preso il treno alta velocità 9554 del ritorno che ha maturato la bellezza di  40 minuti di ritardo! Stavo per andare a installarmi nell’unico posto garantito agli abbonati AV (quello dei WC) ma alla fine ho trovato un sedile libero.Evvai !! :-)

Un piccolo miracolo è avvenuto poi in chiusura della 2° giornata di armageddon AV: alle 20.30 circa, il treno 9554, carico di ritardo e di pendolari all’inverosimile, ha rallentato la corsa, si è fermato ed ha aperto le porte a Porta Susa, liberando centinaia di pendolari sulla banchina e ripartendo verso Porta Nuova praticamente semi-vuoto ( pieno al 30% diciamo).

Plausi generale e acclamazioni al valoroso macchinista/capotreno/dirigente (?) che ha fatto trionfare il buon senso e la ragione infrangendo le regole del tabellone (che prevedeva di non fermare a Porta Susa) facendo guadagnare così mezz’ora di tempo alla maggior parte dei viaggiatori.

Update Martedi 15 a.m.
Il treno 9553 del mattino è partito con 20 minuti di ritardo. Motivazione apportata dal capotreno per il ritardo?

Intemperanze dei pendolari” (?!)
Forse qualche collega si è sdraiato sui binari in segno di protesta? Che mi sono perso?

Ecco svelato il mistero delle intemperanze dei pendolari!

Update Lunedi 14 p.m
Il treno del rientro (AV 9554 delle 18.59) è riuscito a rientrare a Torino, ma con ben 50 minuti di ritardo!

Qui il video di cronaca del buon Marco: “AV 9554 – salita del treno, presentazione banchina, ritardo 40 minuti

Lunedi 14 Dicembre a.m
Come era facilmente prevedibile (per i pendolari TO MI, non tanto per Trenitalia a quanto pare) questa mattina il treno Frecciarossa 9553 delle 7.47 da Torino Porta Susa per Milano P.ta Garibaldi si è riempito ben oltre le proprie possibilità, lasciando i pendolari (abbonati) senza uno straccio di posto in cui sedersi.

Ecco la banchina di Porta Susa, poco prima dell’arrivo del Frecciarossa  alle 7.40
porta-susa-14-dicembre-7-40

Questa invece la mia visuale sui colleghi pendolari durante il viaggio, trascorso comodamente sui gradini delle porte del treno, come un clandestino:

frecciarossa-vista-passeggeri

Questa sera sarei curioso di vedere cosa succede sul treno AV 9554 del ritorno alle  18.59 (presumo andrà ancora peggio) ma mi tocca rientrare con i regionali e scendere a Porta Susa per via dello sciopero dei mezzi a Torino

Chi ci sarà  faccia sapere come è andata!

Related posts:

  1. Ritardi AV Torino-Milano: citiamo per danni Trenitalia?
  2. Nuovo orario Trenitalia: per la Torino-Milano cosa cambia?
  3. Alta Velocità Torino Milano: grossi ritardi questa settimana
  4. Ritardi Alta Velocità Torino Milano: report di Gennaio

{ 79 comments… read them below or add one }

Roberto-Admin May 27, 2010 at 1:04 pm

Sono usciti i nuovi orari estivi 2010 dei Freccia rossa sul sito di FS.
Ho messo in questo post le novità emerse:

Spargete la voce !! 😀

Reply

giccì January 6, 2010 at 3:21 pm

Un altra perla dei nuovi orari e’ che dal 24/12 al 10/01 l’AV delle 7:37 non ferma piu’ a Garibaldi ma a Rogoredo (!!) cioe’ praticamente a San Donato.. comodissimo per chi va in Eni.. per chi lavora in centro o nella zona ovest di Milano invece..
Sembra che facciano di tutto per scontentare chi prende i treni per lavorare..

Reply

luca gibello January 1, 2010 at 8:52 pm

Sto redigendo una tabella di raffronto delle tariffe ferroviarie sulla tratta Torino-Venezia prima e dopo l’entrata in vigore del nuovo orario ferroviario.
Qualcuno sarebbe gentilmente in grado di fornirmi i prezzi, di prima e seconda classe, in vigore fino al 12 dicembre 2009 e ora modificati, per le seguenti combinazioni di viaggio?

EsCity diretto da Torino P.N. a Venezia S.Lucia
FrecciaRossa da Torino P.N. a Milano C.le + EsCity da Milano C.le a Venezia S.Lucia
Interregionale da Torino P.N. a Milano C.le + EsCity da Milano C.le a Venezia S.Lucia

Sto conducendo la ricerca nelle biglietterie e telefonicamente ma ci credete che NESSUNO di Trenitalia è in grado di accedere a un tariffario storico, neppure di meno di un mese fa? Nè sanno dirmi a chi rivolgermi!!!
grazie e cordiali saluti

Reply

claudio December 22, 2009 at 2:15 pm

altra cosa:
io ho abbonamento AV con scritto a chiari lettere PORTA SUSA(fatto in biglietteria e pagato 230euro),
Primo: Il treno ovviamente non ha mai fermato a PORTA SUSA
Secondo: sto facendo un conteggio, e risulta che per DICEMBRE è stato maggiore il tempo dei RITARDI che il tempo di reale PERCORRENZA.
Sapete consigliarmi come INCARDINARE una bella QUERELA?
SI a questo punto VOGLIO RIMBORSATI I 230 EURO.

Reply

claudio December 22, 2009 at 2:09 pm

aggiornamento ritardi:
Il FECCIAROTTA 9500 con partenza da Milano alle ore 8.00 ed arrivo a Torino alle ore 9.00, è arrivato IN REALTA’ con 59 minuti di ritardo a Porta Nuova.
dopo che finirà la NEVE, Moretti bello, cosa darai colpa alla Pioggia?e dopo la pioggia a chi la darai al CALDO che deforma i binari?
Ma va a lavorare e quei panini che consigli per i viaggi,insieme alle coperte,sai bene dove te li puoi mettere………

Reply

claudio December 21, 2009 at 9:17 pm

scusate intendevo il 9537

Reply

claudio December 21, 2009 at 8:57 pm

aggiornamento ritardi:
il FECCIAROTTA 9533 da Torino per Milano delle ore 18.00
è giunto a MILANO con 60 MINUTI DI RITARDO

Reply

claudio December 21, 2009 at 7:35 pm

aggiornamento ritardi:
il FECCIAROTTA 9533 da Torino per Milano delle ore 18.00
risulta UFFICIALMENTE con 34 minuti di ritardo, in realtà
alle 19.33 è solo a META’ STRADA……
GRAZI MORETTI!

Reply

Roberto-Admin December 21, 2009 at 6:38 pm

Per la cronaca, io oggi, prevedendo il disastro che ci sarebbe stato, ho chiesto di lavorare da casa. Anche domani sarà delirio dei trasporti e invito chi può a non mettersi in viaggio e richiedere, se possbile, il telelavoro o giorno di ferie.

Il Frecciarotta 9554 che dovrebbe arrivare a Garibaldi tra mezz’oretta (18.58), non è ancora partito da Roma! stando al viaggiatreno…

Reply

Varkell December 21, 2009 at 10:22 am

Giusto per avere una conferma: sembra che stamattina il FR delle 6,40 sia rimasto fermo 10-15 minuti a Pta Susa senza riuscire ad aprire le porte delle carrozze e sia ripartito (in ritardo, ovviamente) senza averle aperte e facendo infuriare i passeggeri che non sono riusciti a salire. Io, che aspettavo il regionale sul ponte “riscaldato” sopra i binari, posso solo dire che ho visto il treno sostare a lungo e poi ripartire con dei passeggeri sulla banchina che urlavano….Il resto mi è stato riferito da altri pendolari sul treno… Qualcuno ha delle conferme? Se fosse vero sarebbe veramente il colmo….

Reply

Roberto-Admin December 21, 2009 at 11:41 am

Ciao Vittorio, eccoti la ricostruzione dell’accaduto fatta dal nostro Davide…chissà se gli agenti di Guariniello hanno assistito al fatto?

Federico December 21, 2009 at 10:13 am

Incredibile!

L’affermazione che più mi ha colpito è :
“Poi deve essere chiara una cosa: io non sono obbligato nè a fare questi treni nè a prevedere la possibilità di fare gli abbonamenti. Io non sono la Regione nè lo Stato, i miei conti devono quadrare: ho preso per i capelli una società che era fallita, ed ora che ha i conti in ordine torna a investire, un miliardo e mezzo per l’alta velocità e due miliardi per i treni locali. ”

Per la serie animali domestici? Rinoceronte!

Toglietemi solo una curiosità: ma la linea AV è stata realizzata da Trenitalia con i suoi utili di esercizio??

Reply

claudio December 21, 2009 at 9:51 am

aggiornamento ritardi:
oggi 21/12/2009
il treno AV 9500 da Milano centrale delle ore 8.00
viaggia con 44 MINUTI DI RITARDO.
in questo momento alle 9.49 non è ancora giunto in stazione a Porta Nuova.

MORETTI CI Sei O CI FAI?

Reply

elleci December 20, 2009 at 6:40 pm

Secondo me la minaccia di Moretti di sospendere tutti i treni regionali piemontesi a marzo è solo una sparata. Comunque potrebbe contribuire a togliercelo di torno, dato che il ‘ministro’ Matteoli già più volte ha fatto capire di non gradire molto gli atteggiamenti dittatoriali di Moretti. Leggo anche con piacere che Guariniello ha aperto un’inchiesta sulla gestione dell’Alta Velocità, e che il PD vorrebbe convocare Moretti in Parlamento per rendere conto delle decisioni assunte.

Reply

Roberto-Admin December 19, 2009 at 11:09 pm

La parte che trovo più inquietante dell’intervista a Moretti è quella in cui parla delle gare per il trasporto locale in PIemonte:

«A luglio c’è stata la disdetta: il nostro contratto finisce a marzo e loro hanno spostato la gara per i nuovi servizi a febbraio. Nessuno mi venga però a dire che a marzo interrompo il servizio: non sono io che lo faccio, sono loro che lo hanno deciso. E vedremo cosa succede, chi si presenta alla gara e a quali prezzi. Io non so se parteciperemo o meno, dipende dalle condizioni».

C’è il rischio quindi che a Marzo collassino anche i treni regionali?

Reply

Roberto-Admin December 19, 2009 at 11:04 pm

Ottima replica Lorenzo !!

Reply

giù December 19, 2009 at 7:26 pm

Riporto un ritaglio preso dall’intervista di Moretti su Repubblica.
Ragazzi, si è anche fatto un complimento definendosi “ingenuo”….

Quelli che ha descritto sono
eventi prevedibili, non crede?
«Alcuni, non tutti. Ai possibili
“cedimenti” tecnologici e alle criticità
dei nodi della rete messi sotto
pressione da 110 convogli al giorno,
eravamo preparati. Non potevano
prevedere però che il successo
del Frecciarossa tra i nuovi pendolari,
si trasformasse in un boomerang
».
Ci spieghi meglio.
«Sulla Torino-Milano abbiamo
incontrato molte difficoltà dovute
alla forte richiesta dei passeggeri
con abbonamento mensile che
possono salire senza limiti sulle
Frecce pagando, in sostanza, solo
10 corse. Uno sconto da record
concordato con le associazioni dei
consumatori. Il problema è che i
passeggeri hanno, di fatto, rallentato
la corsa del Frecciarossa Torino-
Milano».
In che modo scusi?
«Mi spiego. Il fatto di avere un
abbonamento sull’alta velocità
non autorizza automaticamente
tutti ad avere un posto assegnato.
Occorre effettuare, come su tutte le
Frecce, la prenotazione al costo di
3 euro. Moltissimi viaggiatori sono
saliti a Torino e hanno protestato
con forza perché volevano un posto
assegnato anche senza prenotazione.
Diciamo pure che siamo
stati degli ingenui e dovevamo
aspettarci una reazione simile».

Reply

elleci December 19, 2009 at 3:25 pm

Moretti ha detto più o meno le stesse cose anche a Repubblica (che tra l’altro ci ha messi anche in prima pagina, con il titolo ‘La rivolta viaggia sul Frecciarossa’).

Io ho appena spedito una lettera di risposta a Repubblica (segue testo).

Buongiorno,

sul giornale di oggi ho letto questa frase che Mauro Moretti avrebbe pronunciato: ‘Non potevamo prevedere che il successo del Frecciarossa tra i nuovi pendolari si trasformasse in un boomerang. Sulla Torino-Milano abbiamo avuto molte difficoltà dovute alla forte richiesta dei passeggeri con abbonamento mensile’.

In realtà, gli abbonamenti mensili vengono acquistati al più tardi nei primi 2-3 giorni del mese. Il numero esatto degli abbonamenti alta velocità TO-Mi e MI-TO di dicembre era quindi ben noto già prima del 13 dicembre. E comunque non credo fosse molto diverso rispetto ai mesi precedenti (Moretti dovrebbe sapere che l’alta velocità Torino-Milano esiste già da febbraio 2006, almeno per quanto riguarda i prezzi di biglietti e abbonamenti). Inoltre, dal 13 novembre, non appena sono stati pubblicati gli orari entrati in vigore il 13 dicembre, è stato evidente a qualunque persona dotata di un’intelligenza anche minima che ci sarebbero stati problemi di sovraffollamento sulla tratta Torino-Milano. Infatti con il nuovo orario sono stati dimezzati i treni AV da/per Torino nelle fasce orarie utili per chi si sposta per lavoro (sia abbonati che viaggiatori occasionali). Questo problema è stato segnalato centinaia di volte sia ai dirigenti locali che nazionali di Trenitalia, ed anche allo stesso Mauro Moretti il 5 dicembre in occasione della sua visita a Torino.

Se fosse quindi vero quanto riportato sul vostro giornale (‘non potevamo prevedere questi problemi’), allora una possibile spiegazione è che Moretti non sia stato in grado di elaborare le informazioni che aveva a disposizione a causa di un forte deficit intellettivo. Questo spiegherebbe anche la decisione di non far fermare i treni AV a Torino Porta Susa, dove fino alla scorsa settimana saliva il 70/80% dei viaggiatori, il che rende tali treni meno competitivi con Intercity e Regionali e quindi provoca minori introiti a Trenitalia.

Mi sembra però poco probabile che un demente riesca ad arrivare (e rimanere) al vertice di un’azienda di tali dimensioni. Scartata quindi questa ipotesi, resto nel dubbio su quali siano i reali motivi di queste scelte assurde.

Cordiali saluti
Lorenzo Cerutti

Reply

Silvio December 19, 2009 at 11:10 am

Commento l’intervista di Moretti:
“E’ una storia esilarante…” centinaia di persone subiscono disagi quotidiani e lui ci trova da ridere ….
“Per noi l’alta velocità Torino-Milano è un’esperienza nuova …” veramente sono tre anni e mezzo che è in funzione…
“il nostro obiettivo, in questa fase di avvio, era quella di far conoscere a quanta più gente possibile il servizio…” forse voleva dire il disservizio
“E poi abbiamo previsto abbonamenti mensili per viaggi illimitati al prezzo di 10 corse…”gli abbonamenti con lo stesso rapporto viaggi/costo esistono da sempre…
“Abbiamo anche accettato di far viaggiare la gente in piedi, come ci ha chiesto l’associazione consumatori…”
certo ma la richiesta non era per permettere di far viaggiare treni con oltre un centinaio di persone in piedi regolarmente tutti i giorni e com’era d’altronde ampiamente prevedibile…
“Qualcuno mi dica se e dove abbiamo sbagliato..”
semplicissimo : la frequenza dei treni è scandalosamente scarsa, non sono nelle fasce orarie ideali ed è stata soppressa senza nessun motivo plausibile la fermata di PS
Per il resto stendo un velo pietoso…

Reply

Gian Paolo December 19, 2009 at 10:49 am

Grazie alla Stampa, una bella pubblicità NO TAV gratis, ORA e’ chiaro quali siano i motivi della TAV Italiana, non un progresso a favore di un Paese che si sogna i servizi dell’AVE o del TGV…ma mero fabbisogno di cassa e servizi per ricchi….
1000 MOTIVI IN PIU’ PER BLOCCARE IL PROGETTO DI SVENTRARE UNA REGIONE A FAVORI DI PRIVATI CHE ADDOSSANO I COSTI ALLO STATO, CIOE’ NOI!

A Moretti consigli di prenotarsi un viagggio Madrid/Sevilla il venerdì, oltre 520 km in due ore e 16 minuti, al costo di 133 euro…..Questa è Alta velocità…e non mi dica che in Spagna non Nevica…la tratta attraversa la parte iberica più esposta…..ma va a pedalare…..

Reply

Silvio December 19, 2009 at 10:00 am

Leggetevela pure tutta questa benedetta intervista de La Stampa a Moretti ….. sono rimasto a bocca aperta !!!! per me è da neurodeliri !!!!!

Reply

francesco December 19, 2009 at 9:40 am

vi segnalo un passo dell’intervista a Moretti uscita sul LaStampa:
inito qui?
«Magari. Vogliamo parlare delle incredibili proteste dei pendolari torinesi, che sono arrivati ad occupare i treni? E’ una storia esilarante: contestazioni continue su tutto, i prezzi, gli orari, gli abbonamenti. Per noi l’alta velocità Torino-Milano è un’esperienza nuova ed il nostro obiettivo, in questa fase di avvio, era quella di far conoscere a quanta più gente possibile il servizio. Di qui i biglietti di prima a 32 euro (uno solo in più rispetto alla seconda) per “premiare” chi decideva per primo, scelta che il sindaco Chiamparino ha definito “un’ingenuità”. E poi abbiamo previsto abbonamenti mensili per viaggi illimitati al prezzo di 10 corse, con un sovrapprezzo di 3 euro per l’eventuale prenotazione. Abbiamo anche accettato di far viaggiare la gente in piedi, come ci ha chiesto l’associazione consumatori, ed il risultato finale è stato il blocco del treno. Qualcuno mi dica se e dove abbiamo sbagliato» .

Dato che si riferisce all’episodio del vagone ristorante, sul quale credo ci sia un rapporto della Polfer, questa volta non ci sono gli estremi per denunciare Moretti per calunnia nei vostri confronti?

Reply

Gian Paolo December 19, 2009 at 12:07 am

In Italia la Class Action del modello anglosassone non esiste ed ecco il perchè dei consumatori le aziende se ne fregano. Impattano poco sui loro bilanci.
Report di oggi, 19/12
Preso ES 16,10 TGV , pieno. Arrivo perfetto a Torino PS 17,33. Controllori e Capo Treno “vecchio” che mi ha augurato buon natale e mi ha detto “resistete”. Questo è il vero volto di Trenitalia, non quegli str…. recenti.
Lode al Capo Treno ….

Reply

Alberto December 18, 2009 at 11:48 pm

Delirio oggi sull’ES AV delle 18:00 da To PN a Rm (io dovevo scendere a Mi).
Partito in stra-ritardo alle 18:42 (prima annunciato con 15′ di ritardo, poi 30’…Ed è partito come materiale rotabile “proveniente” alle ore 18:15 a To PN da Mi C.le, cosa che non doveva essere fatta. Secondo me c’è stato un guasto in partenza al vero materiale, mai presentatosi sul binario).
Morale della favola…Oltre 40 minuti in partenza. E’ finita qui secondo voi?? Ceeeeerto che no!! :) Ulteriori 20 minuti di stop accumulati a causa di una fermata tra la prov. di Vercelli e quella di Novara.
Mah…Sarà finita qui? Oooooovvvio che no!!! Tanto per gradire, molte porte del lato sinistro del treno non si volevano aprire una volta giunti a Mi C.le
Non c’è che dire…Gran bel viaggio e 32 euro buttati nel cesso.
DISGUSTORAMA!!

Reply

stefania December 18, 2009 at 4:02 pm

Con tutta evidenza Trenitalia ha venduto, a caro prezzo, un servizio che non è in grado di offrire.Insomma, si chiama truffa. Credo ci si debba concentrare s questo. Credo che ci siano gli estremi per pensare a una class action.

Reply

Edoardo December 18, 2009 at 3:47 pm

Letto l’articolo e visto il Video..
Come al solito le notizie vengono riportate in modo decisamente non veritiero..
Non c’è stato nessun assalto.. solo qualche coro.. e la POLFER l’abbiamo chiamata NOI..
Io sono andato a chiamarli.. non quelli del gabbiotto

Reply

Roberto-Admin December 18, 2009 at 2:31 pm

Visto l’articolo di cronaca sulle proteste a Porta Nuova.

Ne deduco che ieri sera, nonostante il ritardo, il 9554 nn ha fatto la fermata straordinaria a Porta Susa…

Reply

Edoardo December 18, 2009 at 10:00 am

Ieri sera altri 40 minuti..
stamattina 25 minuti..

Ogni volta succede qualcosa di nuovo…

Ieri c’è stata poi la protesta corale contro il gabbiotto dei FrecciaMerda .. con tentativo di sequestro del cellulare a uno di noi..
Grazie all’intervento della PolFer il cellulare è stato restituito..

Reply

Cecilia December 18, 2009 at 8:59 am

Intanto io ho monitorato a mano i ritardi della settimana:

14dic 15dic 16dic 17dic 18dic
TO > MI
9697 0 0 8 0 19
9553 8 23 12 11 23
MI > TO
9618 11 22 49 11
9554 47 41 54 37

Aspetto i ritardi di stasera e scrivo qualche inutile lettera ai giornali. Un Tardaviaggio comparativo della Torino-Milano AV e R-IC sarebbe meritorio

Reply

Gian Paolo December 18, 2009 at 12:15 am

IC odierno delle 18.05, un ritardo di 5 minuti all’arrivo, seduto comodo al caldo ..senza duecento persone che vanno e vengono tra bar e bagni…svolazzando aria gelida dalle intercapedini . Pagato con un abbonamento di 218 euro by web (! mi hanno fregato lo sapevo). Corsa semplice di 16 Euro.
Il vero futuro è un bel ritorno al passato…orari con senso umano…7,18 e 18,05 per chi ha orari d’ufficio adeguati….uno spettacolo…
AV bye bye..thanks Moretti …ti lasciamo le carrozze per le scampagnate dei pensionati a Roma…

Reply

Lorenzo December 17, 2009 at 4:49 pm

Sono anch’io per un’azione legale…sto per andare a prendere il treno delle 17,15 e dal sito mi dà già 12 minuti di ritardo…è assurdo che da quando è “entarta a regime” l’alta velocità non ha visto più un treno puntuale (ieri per tornare ho dovuto prendere pure l’intercity)…

Reply

claudio December 17, 2009 at 2:31 pm

SIGNORI è un disastro!(annunciato)
da oggi prendo alla mattina il regionale alle 6.00 da Milano centrale….almeno è puntuale.
NON POSSO ARRIVARE TUTTI I GIORNI ALLE 10 con 40 MINUTI DI RITARDO E NON POSSO RIENTRARE TUTTE LE SERE a casa CON 40 MINUTI DI RITARDO.
COSA NE PENSERA’ BRUNETTA?SARA’ MOBBING?
TRENITALIA è RESPONSABILE e sarei per un AZIONE LEGALE.
MORETTI TIENITI il TUO FECCIAROSSA.
FA SCHIFO ed è un ABORTO RITARDATO GESTITO DA INCOMPETENTI SCARICABARILE.
DA OGGI IL MIO ABBONAMENTO LO VEDRANNO CON 40 MINUTI DI RITARDO,o il controllore avrà voglia
di ripassare a chiedermelo, o si arrangerà come mi arrangio io TUTTI I GIORNI PER CAUSA LORO.

Reply

davide December 17, 2009 at 12:47 pm
gianni December 17, 2009 at 10:57 am

E’ un disastro totale.

Servono le dimissioni immediate dell’AD e di tutti i suoi uomini di riferimento.
A trenitalia servono persone serie, di buona volonta ed umili.

Servono politici seri che capiscano le esigenze di chi lavora.

Tutto il contrario di come è oggi.

Reply

Stefano December 17, 2009 at 10:56 am

Stessi treni di Davide, non riporto i ritardi, ma le motivazioni addotte dal personale di trenitalia:
Ieri sera partenza puntuale alle ore 20:30 da To, fermi per circa 20 nelle campagne causa “intenso traffico nella stazione di Novara”…dove l’AV notoriamente non transita.
Questa mattina: treno in arrivo a MI con 20 minuti di ritardo, accumulo di altri 20 minuti causa “ghiaccio sulle porte”…ma tra Bologna e Milano percorrono la Transiberiana?

Reply

davide December 17, 2009 at 10:17 am

MILANO-TORINO delle 8 (arrivo “utopico” alle 9) ennessimo ritardo di 45 MINUTI!!!
Motivazione: ritardo nella preparazione del treno!!??!!

Visto il livello di servizio (in entrambi i sensi), propongo un sondaggio: siete ancora disposti a fare l’abbonamento AV per gennaio?

Io sicuramente no, dato che purtroppo mi risulta difficile motivare l’ingresso in ufficio alle 10 tutti i giorni….

Reply

Cisalpino Bye Bye December 16, 2009 at 11:00 pm

Signori pendolari,

perché non vi organizzate e mettete su un sito serio di tracking dei ritardi come questo:

http://www.cessoalpino.com/en/2010/live/

In svisera sono riusciti a far chiudere la Cisalpino… i treni continuano ad andare in ritardo, ma vuoi mettere la soddisfazione!?!

Complimenti al macchinista che ha aperto le porte a Porta Susa!

Reply

davide December 16, 2009 at 10:17 pm

UPDATE di oggi dai pendolari Mi-To:
Mattino: AV delle 8 Mi-To: ritardo di 40 minuti
Sera: AV delle 20.30 (il primo treno utile per chi esce dopo le 18…): ritardo di 22 minuti (d’altronde chissà che gelo a quell’ora…)

Reply

Gian Paolo December 16, 2009 at 10:00 pm

..ragazzi la miglior “pubblicità” siamo noi…durante il viaggio facciamo sapere agli sprovveduti che spendono 62 euro per fare andata e ritorno come li prendono per il culo…GLI UPDATE DI OGGI:
AV DELLE 17,15= 45 MINUTI DI RITARDO
AV DELLE 18,58= 40 MINUTI DI RITARDO
PER INCISO alle 17,05 L’IC si è riempito di poveretti paganti prezzo pieno per arrivare a Torino su questo prima della AV….
Quindi 800 messia che sputtanano gratis costantemente questa azienda è un direct marketing da campioni…inutile dire che baggianate quali nebbia e nevischio…possono crederle solo degli psicolabili….con seri problemi di comprensione.

Reply

Enrico December 16, 2009 at 9:54 pm

SONO LE 21.52, il treno MILANO TORINO delle 20.55 è arrivato a P.ta Garibaldi con 15 minuti poi si è fermato intorno a Magenta per “DEGRADO DELLA CIRCOLAZIONE”. Ora viaggiamo con 40 minuti di Ritardo.

MA COME CI PUO’ ESSERE DEGRADO DELLA CIRCOLAZIONE ALLE 21.52 SU UNA LINEA DEDICATA CON UN SOLO TRENO CHE VIAGGIA??

Allora vuol dire che i sistemi non funzionano e NON E’ SICURO IL VIAGGIO IN TRENO…

Reply

davide December 16, 2009 at 9:26 pm

Ultime notizie da trenitalia: “Continua intanto il necessario rodaggio dell’intero sistema AV alla luce della concomitante apertura di tre nuove tratte e del notevole incremento dei treni da gestire. A condizionare la regolarità della circolazione sono intervenuti anche alcuni problemi esterni, quali il nevischio dei primi giorni e il ghiaccio odierno in Val Padana, che ha diminuito l’aderenza tra le ruote dei convogli e le rotaie provocando slittamenti e diminuzioni di velocità”
Mi chiedo:
1) Il ghiaccio in Val Padana???Quindi per avere i treni puntuali dovremo aspettare maggio (eccetto i giorni di pioggia, o di troppo caldo…), chissà come fanno in Svezia i treni ad essere puntuali…
2) Il notevole incremento di treni da gestire sulla tratta To-Mi???No comment!

Reply

azzurropillin December 16, 2009 at 12:39 pm
claudio December 16, 2009 at 12:00 pm

confermo cosa scritto da elleci,
grazie la ritardo,molti pendolari sono riiusciti a prenderlo,
da un giro effettuato, tutte le carroze erano STRAPIENE,quindi si presume che un AV alle 19.00 è ESSENZIALE e VITALE.
Moretti ma le tue “strategie di mercato”,
dove le hai trovate?nelle patatine?o nell’ovetto Kinder?
no perchè le cose sono inequivocabilmente due:
O ci sei, O ci fai!

Reply

claudio December 16, 2009 at 11:52 am

Piccolo dettaglio come “contribuente viaggiante cioè carne da macello” e lo aggiugiamo al DISSERVIZIO regnante e continuo.
Vorrei far notare che ieri sera l’AV delle 18.00 da porta Nuova è partito con 45 minuti di ritardo…..
Ciliegina sulla torta questa mattina l’AV delle 8.00 da milano è arrivato in Milano centrale con 20 minuti di ritardo,poi come se non bastasse,
guasto in galleria prima di Porta Susa,ed arrivo con 40 minuti di ritardo totale.Ho richiesto all’Assistenza Clienti a Porta Nuova, un verbale dell’avvenuto ritardo da portare sul posto di lavoro.Richiedetelo anche voi, sono obbligati a farlo!!

Reply

elleci December 16, 2009 at 11:48 am

Un’altra idiozia del nuovo orario è che prevede spostamenti di treni vuoti tra Milano e Torino, mentre ci sarebbero centinaia di aspiranti passeggeri pronti a pagare il biglietto. Me ne sono accorto pechè ieri il treno che doveva partire da Torino per Milano alle 18 è partito con 40 minuto di ritardo a causa dell’investimento di un suicida sulla linea storica a Magenta. Questo significa che quel treno era stato spedito – vuoto appunto – dal deposito di Milano a Torino. Quindi se adottassero l’orario da noi proposto (con tre treni che vanno avanti indietro da Milano a Torino) potrebbero anche evitare lo spreco di questi invii a vuoto, oltre ad evitare che i ritardi tra Milano e Roma creino casino anche sulla Milano-Torino.

Reply

elleci December 16, 2009 at 11:44 am

Ieri sera ho preso il 17:15 da Centrale. Il treno è arrivato da Roma con 20 minuti di ritardo e semivuoto: evidentemente tra Roma e Milano Trenitaliia è felice di mettere a disposizione molti più treni del necessario.
Poi da Milano a Torino il solito assalto alla diligenza, con decine di abboanati rimasti in piedi/al bar/seduti per terra.

Reply

davide December 16, 2009 at 10:28 am

che “fortuna”!invece vi racconto cosa è successo questa mattina sul Milano-Torino delle 8…
Il treno arriva da Bologna e riparte da Milano con 20 minuti di ritardo (in questi giorni si intuisce che il ritardo sarà cronico…), arrivati a Torino si rompe il locomotore a 20 metri da….Porta Susa!!!
Dopo essere rimasti fermi nel tunnel, il treno riparte per Porta Nuova (magari avessero fatto un’eccezione ci avessero lasciato scendere a PS…), risultato: arrivo a Porta Nuova con 40 minuti di ritardo!

Reply

davide December 16, 2009 at 10:24 am

Ciao, i pendolari Milano-Torino stanno firmando una petizione, al momento sono state raccolte circa 80 firme, se ti interessa trovi il testo e i contatti degli organizzatori all’indirizzo: http://sites.google.com/site/petizionefrecciarossa/

Reply

Cecilia December 16, 2009 at 9:57 am

Le inchieste e i censimenti fra noi però sono già un passo, per avere dati precisi. Io da un anno sto documentando quotidianamente i ritardi dei treni che prendo (Torino-Pavia), e ora sto iniziando a farlo anche per l’AV Torino -Milano: avere dati mi pare importante per superare il singolo caso umano.

Reply

simo December 16, 2009 at 9:52 am

Più che un piccolo miracolo, la fermata fuori tabellone del 9554 a P.Susa è stata l’ennesimo esempio di incompetenza di Trenitalia (il macchinista ha fermato senza che neppure il capotreno ne fosse consapevole). Da qui l’uscita dal FECCIAROSSA con giubbotti e laptop accesi in mano….

Reply

Marco December 15, 2009 at 10:23 pm

i disagi sono centinaia, in tutta italia, non solo a Torino. Esiste un coordinamento dei comitati che sta unendo le forze per protestare. Le singole esperienze personali, francamente, servono solo come sfogo e come condivisione di stress. Ma intanto Trenitalia, da 10 anni, anche per il silenzio costante della maggior parte dei viaggiatori, sta facendo quel che cavolo gli pare con tutti. E continuerà a farlo. Se esistono petizioni nazionali fatemelo sapere e le girerò a tutti i miei contatti. Marco

Reply

Evelino December 15, 2009 at 3:40 pm

Ero anche io su quel treno e anche a me ha dato fastidio la giustificazione del capotreno, anche perché dei 20 minuti di ritardo già 5 erano causati in origine dalle Ferrovie dello Stato. Alla fine il treno è arrivato a Roma con 46 minuti di ritardo ( ma quanti pendolari su quella linea!). Questo episodio mi conferma nella mia opinione, che non esiste un vertice incompetente alla direzione delle Ferrovie
ma l’incompetenza sia distribuita in tutta l’azienda. Certamente le persone “non incompetenti” ci sono ma purtroppo non le ho ancora incontrate.

Reply

roby December 15, 2009 at 3:06 pm

MA QUALCUNO SA CHE COSA E’ STATO DETTO ALL’INCONTRO DI IERI IN PREFETTURA????

Reply

max December 15, 2009 at 2:12 pm

Ma Trenitalia l’avrà capito che il treno AV delle 18:58 da Milano a Torino non può essere quello dei pendolari? Devono mettere un treno dedicato, magari con partenza da Milano Centrale…perchè non ripristinano il 18:43 con fermata a Porta Susa?? Arriverebbe alle 19:40…sarebbe perfetto!

Reply

Edoardo December 15, 2009 at 1:10 pm

@Sergio D

OTTIMO!!! Bisogna segnalarlo.. mi raccomando..
Tra noi c’è un avvocato.. non so il nome..

Speriamo di “fargliela pagare” in modo economico con multe o sospensioni..!!

Scusatemi.. ma ho davvero finito la pazienza!!

Reply

steo December 15, 2009 at 12:49 pm

vista la situazione dei treni e visto il fatto che i controllori stessi non riescono nemmeno a passare tra una carrozza e l’altra per il controllo degli abbonamenti/biglietti una buona idea potrebbe essere fare tutti l’abbonamento intercity e viaggiare comunque sull’AV. Tanto quei buffoni non passeranno mai a controllare i biglietti. Secondo me è l’unica protesta seria da fare anche perchè pagare 300 euro per viaggiare sui gradini al freddo o nello scomparto valigie come ho fatto stamattina non mi sembra il caso. Per fare un viaggio del genere pago una cifra che mi sembra più “adeguata” alla comodità del viaggio.

Reply

Sergio D December 15, 2009 at 12:28 pm

@Edoardo
Si, la matricola del fenomeno è stata presa da un componente del comitato AV di cui non so il nome.
E’ stata scritta su un bigliettino strappato dalla prima pagina de “La Stampa” :-)

Reply

Edoardo December 15, 2009 at 12:21 pm

Carissimo, nessuno ha preso i dati di questo fenomeno?

Reply

Varkell December 15, 2009 at 12:20 pm

Vedo che non c’è limite all’indecenza nemmeno sull’AV! Personalmente ritengo che l’unica forma di protesta che possa veramente tenere in considerazione Trenitalia è quella di passare all’abbonamento regionale (protesta che applico personalmente da 1 anno ormai) perchè è solo toccando Trenitalia sui soldi che si possono ottenere risultati; non è non pagando l’abbonamento (anche perchè si passerebbe dalla parte del torto) o protestando in maniera civile (o incivile); semplicemente dandogli 90 € al posto di 300 € e facendo viaggiare i convogli vuoti (che tanto vuoti non sarebbero lo stesso); anche perchè i regionali sono mediamente più puntuali: dopo i 15 minuti di ritardo il treno è considerato in ritardo e a fine mese, in base alla percentuale dei ritardi, Trenitalia deve pagare una penale alla regione; invece per gli AV il ritardo oltre il quale il treno è considerato in ritardo (se non ricordo male) è di 30 minuti; peccato che su un percorso di 55 sia paragonabile a oltre metà viaggio!!!!! Se poi considerate che l’orario sul tabellone (e questo vale per tutti i treni) NON è quello di arrivo sulla banchina, ma nel PIAZZALE della stazione (che a Milano centrale vuol dire circa 5 minuti), significa che un AV in arrivo dopo circa 35 minuti sulla banchina è considerato “puntuale” secondo Trenitalia! Se penso che lo scorso anno le ferrovie giapponesi si sono pubblicamente scusate col paese intero per aver accumulato un totale di 15 minuti di ritardo nell’anno SULL’INTERA LINEA NAZIONALE mi verrebbe da far un discorsetto a Moreti e alla sua metropolitana d’Italia “in orario” dopo 35 minuti ogni singolo viaggio…. Inoltre vi posso dire che sul regionale (almeno a Porta Susa) non ci sono problemi a trovare posti a sedere sul convoglio…. Insomma: prezzo + basso, maggiore puntualità, posto a sedere: magari non si tratta solo di una forma di protesta…. ;))

Reply

Sergio D December 15, 2009 at 12:16 pm

Ciao Gianni… la cosa bella è che non c’era nessuna protesta. Eravamo solo seduti in sala ristorante (per la verità io ero in piedi anche li, visto che i posti erano esauriti). Per cui il CT ha mentito sapendo di mentire, mentre esercitava la sua professione di pubblico ufficiale. Non mi sembra una situazione tanto edificante la sua

Reply

Lorenzo December 15, 2009 at 12:15 pm

su repubblica.it di torino trovate questo articolo:
Frecciarossa, in cento senza posto i pendolari bocciano il supertreno
E’ partito tra ritardi e sovraffollamento il primo giorno da pendolari con il nuovo orario dei treni. Ieri mattina sul Frecciarossa delle 7,37 per Milano 98 persone sono rimaste in piedi, aggrappate ai sedili per non cadere ai 300 all´ora. E quello di mezzogiorno per Torino è arrivato con un´ora di ritardo, 45 minuti per quello della sera. «È una fase di transizione, le Ferrovie ascolteranno le esigenze dei passeggeri», ha detto il sottosegretario Mino Giachino

Reply

Gianni December 15, 2009 at 12:08 pm

Scusate, io questa mattina ero nelle prime carrozze di prima, ovviamente in piedi in quanto sono un pendolare, tra una carrozza e l’altra.

Dopo qualche minuto già era giunta voce che c’era una protesta in atto.

Mi chiedo come sia stato possibile dato che non c’è stato il tempo e non c’è stato movimento di pendolari.

Reply

Edoardo December 15, 2009 at 11:49 am

Avete preso i dati del Capo Treno.
Perchè c’è Interruzione del Servizio NON GIUSTIFICATA.. e pure la Polizia Ferroviaria ha detto che non era reato..

Ci sono gli estremi per un ricorso da parte nostra..

Io personalmente quando l’ho visto sulla banchina della stazione di Porta Garibaldi e ho notato che già c’erano due persone che lo “sgridavano” mi sono unito e gli ho urlato in faccia il mio sdegno..

Nella mia carrozza all’annuncio c’è stato qualche mugugno.. ovviamente ho difeso la nostra razza “PENDOLARE” ..

Reply

Sergio D December 15, 2009 at 11:24 am

@Roberto-Admin … d’altra parte visti i “Ritardi” consueti dei treni dovevano mettere anche i “Ritardati” come quello di stamattina :-)

Reply

Sergio D December 15, 2009 at 10:47 am

Eccomi qui! Sono uno degli intemperanti di stamattina.
La cosa è stata decisamente grottesca a partire dalle richieste del capo treno:
– Si presenta nel vagone ristorante e annuncia che il vagone non può essere usato per ospitare i viaggiatori seduti ai tavoli.
– Gli viene fatto presente che non ci sono alternative: 30-40 persone sono seduti li perchè NON C’E’ POSTO!
– Il CT dice che per questioni di igiene (?!?!) i tavoli non possono essere usati come porta oggetti e annuncia che il treno non partirà fino a quando non verrà liberato il vagone.
– Gli viene detto che con un abbonamento di 180€ al mese non può pretendere che la gente stia seduta nelle passerelle vicino ai cessi.
– Il CT dice che chiamerà la Polizia Ferroviaria.
– Gli viene detto … Fai tu che sai!
– Arriva la Polizia, 4 agenti cortesi che svolgono diligentemente il proprio mestiere
– La Polizia controlla i documenti di viaggio dei presenti e afferma: “Ma qual è il problema? Hanno i documenti in regola, per me non c’è reato, fai partire sto treno, in seguito potrai fare un esposto per l’accaduto”
– Il CT dichiara che c’è una manifestazione in atto, volta a bloccare il servizio. Gli viene fatto presente che la manifestazione non c’è. Siamo tutti li presenti per caso, senza organizzazione e soprattutto deve smettere di rompere le “uova nel paniere” e deve far partire il treno.
– Dopo altre insistenze il treno parte con oltre 20 minuti di ritardo.
C’è anche un seguito, in particolare la descrizione del colloquio avuto fra i pendolari e il CT, a treno partito, e soprattutto, cosa mooooolto grave a mio avviso, una dichiarazione fatta tramite l’interfono del treno da parte del CT e che quindi parlava in veste di pubblico ufficiale, in cui ha affermato che “Il treno è in ritardo di 20 minuti a causa delle intemperanze dei pendolari del treno”, di fatto cercando di discolparsi dalla PROPRIA decisione di posticipare la partenza.
Per le note di cronaca il servizio di ristorazione è stato effettuato con regolarità senza alcun disagio causato agli addetti.

Questa la fredda cronaca, come direbbe Antonio Albanese.

Ciao a tutti,

Sergio

Reply

Roberto-Admin December 15, 2009 at 11:09 am

Grazie Sergio per la dettagliata ricostruzione! :-)
Me lo sentivo che c’era qualcosa di strano nella motivazione addotta dal capotreno. Scomodare la Polfer e fermare un treno 20 minuti per una cosa del genere
è da veri ritardati mentali.

claudio December 15, 2009 at 10:13 am

bella pTorino arrivo non alle 9.30 ma alle 10.00.
ed alla sera alle 20.30 è uno schifo.
poi vorrei far notare i SERVIZI dedicati per chi arriva alla mattina in PORTA NUOVA, nessun parcheggio disponibile,se non quello in via NIZZA tenuto da ABUSIVI,
con i dilemma che il guirono dopo la macchina ci sia ancora.
MORETTI SEI UN BUFFONE
sai dove te la devi ficcare la metropolitana d’italia?
esatto proprio LI.

Reply

Marco December 15, 2009 at 9:50 am

Aggiungo la mia testimonianza. Ieri, a Milano per lavoro, non avevo prenotato il ritorno non sapendo a che ora avrei finito la mia riunione. Fortunatamente mi libero presto e alle 17.40 decido il da farsi. Opto per porta Garibaldi, dove alle 18.58 mi aspetta il favoloso AV per Torino… Ritardo di 45′ come già raccontato da altri, il treno lascia la stazione di Milano alle 19.45. Arrivato a Torino vado all’ufficio informazioni convinto, come tanti altri, di avere diritto al rimborso e mi sento dire che per avere diritto al rimborso il treno deve aver tardato almeno di 1 ora! Su una percorrenza di 52 minuti! La spiegazione è stata che il nuovo regolamento trenitalia si è allineato con la normativa europea, normativa che non mi ha naturalmente mostrato o citato. Voi avete altre notizie in merito? C’è possibilità di una azione congiunta tra i viaggiatori per far fronte a questa presa in giro?
Aggiungo un’altra considerazione: per chi, come me ieri, non prende il biglietto di ritorno e decide all’ultimo momento quale treno predendere si presenta un enigma nuovo. Andare a P.ta Garibaldi e puntare sull’AV oppure in Centrale? Sì perché ora non è neanche possibile decidere di cambiare treno e tornare anche con una semplice R, perché si dovrebbe cambiare stazione.

Grazie a tutti
Marco

Reply

Gian Paolo December 15, 2009 at 9:47 am

…Ragazzi..prendiamoli in giro…. tutti su Ebay a comperare locomotivine da 5 euro e gliele spediamo in massa alla Sede di Trenitalia..il nostro regalo di Natale a Trenitalia…magari con queste buffonate qualche TG fa un servizio decente e non falso alla Vespa sul progresso tecnologico del Burundi…ops Italia…

Reply

Gianni December 15, 2009 at 9:33 am

Segnalo che ieri sera anche il treno delle 20.58 da Garibaldi a Torino ha fatto 40-45 minuti di ritardo…arrivando dunque a Torino alle 22.40……

Reply

Giuseppe December 15, 2009 at 9:15 am

Andiamo sempre peggio!!ed e’ pure colpa Dell intemperanza di alcuni pendolari!!!non si rendono forse conto che il loro stipendio glielo paghiamo noi con i nostri biglietti invece di fare annunci idioti come giustificazione di ritardo e di servizio che neanche in Burundi hanno ormai da anni!!complimentoni alla metropolitana d Italia!!!Moretti non capisco se sei un manager o un politico ?????

Reply

federico December 15, 2009 at 12:11 am

beato te che sei tornato con il regionale… l’alta? velocità delle 18.58 è arrivata a porta nuova alle 20.45…. purtroppo mi ero illuso di poter smettere di prendere permessi al lavoro e di poter contare su un servizio almeno decente,,,, ma evidentemente mi sbagliavo, infatti visti i numerosi problemi mi chiedo perchè tutti i pendolari non smettono di pagare l’abbonamento per protesta finchè non si degnano di darci ascolto e offrirci il servizio per cui PAGHIAMO ormai da troppo tempo e che ancora NON ESISTE!!!!!

Reply

Gian Paolo December 14, 2009 at 10:42 pm

..Ho preso l’IC delle 18.05 da Milano Centrale, in pratica vuoto un treno vuoto. Un intero viaggio in uno scomparto da 6, occupato da me, un ragazzo di Vercelli e una signora di Novara….seconda carrozza di seconda in coda…My Best Regards a Trenitalia…12 carrozze piene al 25%….in compenso è arrivato a Pta Susa alle 19,38!!!!

Reply

Roberto-Admin December 15, 2009 at 8:35 am

Ciao Gian Paolo,
su quel treno c’ero anche io, alla fine son riuscito a prenderlo al volo.
Impressionante l’anticipo di 15 minuti in arrivo, apprezzato anche vasta disponibilità di posti.:-)

Roberto-Admin December 14, 2009 at 7:26 pm

Cribbio elleci !! 44 minuti di ritardo è quasi il tempo di percorrenza totale del viaggio.

Gravissimo!! Questo orario è l’ Armageddon dei pendolari AV!!

E’ anche pieno come quello del mattino, oltre ad essere spaventosamente in ritardo?

Io sono su Intercity che arriva a Porta Susa alle 19.45. Puntualissimo per ora.

A questo punto non so da domani sera se rischiare ritorno su AV o passare a InterCity il resto di questo mese…

Reply

elleci December 14, 2009 at 7:05 pm

Per ora il treno che dovrebbe partire da Garibaldi alle 18:58 ha 44 minuti di ritardo – più o meno come ieri sera. Sempre più urgente la richiesta di avere un treno con origine Milano Centrale alle 18.15 – altrimenti tanto vale non fare più l’abbonamento AV.

Reply

Roberto-Admin December 14, 2009 at 6:29 pm

vorrei sapere se i controllori
sono tolleranti nei confronti degli abbonati AV ? Oppure in qualche modo
si può ottenere una autorizzazione all’uso dei regionali.

Ciao Evelino,
in teoria senza integrazione regionale all’abbonamento AV non potremmo viaggiare sui regionali. Ma di fatto sui passanti non ho mai avuto problemi. Sugli interregionali To-Mi poi ho viaggiato qualche volta con abbonamento AV e mai avuto problemi.Ma forse solo fortuna.
Stasera mi andava cmq di rischiare, se prendo multa lo farò sapere stanne certo :-)

Reply

Evelino December 14, 2009 at 6:22 pm

Ciao,
stamattina come al solito è avvenuta la transumanza della prima dalla testa
alla coda e delle seconda dalla coda alla testa.
Il risultato è che nelle prime carrozze c’era meno
gente del normale e nella mia carrozza (la numero 11, la seconda)
eravamo almeno 5 i pendolari senza prenotazione
ad essere seduti. So che più verso il centro invece varie persone sono
rimaste in piedi, parlando con un collega riferiva che qualcuno
avrebbe contato 98 persone in piedi senza prenotazione in tutto il treno.
Sono invece curioso della tua decisione di prendere il regionale.
Visto che ufficialmente il regolamento riporta che equivale a viaggiare senza biglietto,
vorrei sapere se i controllori
sono tolleranti nei confronti degli abbonati AV ? Oppure in qualche modo
si può ottenere una autorizzazione all’uso dei regionali.

Reply

piemunteis December 14, 2009 at 3:36 pm

Io ho preso il 6.50 da porta susa ed era prevedibilmente mezzo vuoto…

Detto questo, speriamo aggiungano un treno verso le 8 da to mi ed uno la sera da mi a to verso le 18.00-18.15.

Stassera provo il 20.58 per tornare a casa…. Vedremo

Reply

Leave a Comment

{ 2 trackbacks }

Previous post:

Next post: