Flusso di coscienza di un pendolare – Dramma semiserio in due atti

by EleNicchia on September 7, 2009

calzino-spaiato-001

(Pendolando tra il secondo cassetto dell’armadio e il bagno)
Turbamento. Dov’è il secondo calzino? Calzino, un solitario per natura. Lupo solitario. Calzino solitario… calzino solitario, doooove seiii?
Dov’è? Sono in ritardo e non trovo sto maledetto calzino.

Oggi vado da un cliente e non ho nemmeno due calzini uguali. Devo fare l’abbonamento se no venerdì aspetto una vita allo sportello. Devo anche ritirare dei soldi non ci ho una lira nel portafogli. Mi fiondo a Milano e ritorno e non c’ho nemmeno venti euri nel portafogli. E se succede qualcosa? Ho il cellulare carico? Ho i documenti? Non avrò mica la febbre? Adesso me la provo.

(Di fronte al terzo cassetto dell’armadio) Epifania.

Eccolo qui il calzino. E ho perso cinque minuti così, cercando il calzino… en attendant le pédalin. Ma porca.

No related posts.

{ 2 comments… read them below or add one }

Alex October 20, 2009 at 1:50 pm

Magari il calzino era finito nel “Paradiso dei calzini” cantato da Capossela

Reply

Giorgio September 14, 2009 at 11:08 am

Il pantalone a zampa d’elefante aiuta sempre: nasconde alla perfezione i 2 calzini diversi che a ogni pendolare, prima o poi, capita di dover indossare…

Reply

Leave a Comment

Previous post:

Next post: