Ritardi Frecciarossa Torino-Milano: report di Febbraio

by Pendolando on March 1, 2010

Ecco il report sui ritardi maturati a Febbraio dai due treni Frecciarossa a maggior “frequentazione” pendolare tra Torino e Milano, ovvero:

  • il treno AV 9553 delle 7.47 da Porta Susa (noto ormai come il treno “senza garanzia del posto a sedere”, non solo per i pendolari, ma addirittura per i viaggiatori occasionali in possesso di regolare prenotazione, vedi un biglietto tipo venduto)
  • il treno AV 9554 delle 18.58 da Milano P.ta Garibaldi, soprannominato “L’intercity del rientro travestito da Frecciarossa” per via dei suoi cronici ritardi e della mancata fermata a Porta Susa che lo rendono, di fatto, utile quanto un Intercity sebbene molto più costoso e sovraffollato.

I dati dei ritardi sono quelli registrati dal servizio Viaggiatreno di FS, e non includono il Sabato, perchè di Sabato non viaggia uno dei 2 treni analizzati.

Report ritardi Frecciarossa Torino Milano a Febbraio 2010

Related posts:

  1. Ritardi Alta Velocità Torino Milano: report di Gennaio
  2. Ritardi Frecciarossa e IC a confronto
  3. Ecco i frutti del nuovo orario Trenitalia: ritardi abissali e niente posto per i pendolari AV Torino Milano
  4. Ritardi AV Torino-Milano: citiamo per danni Trenitalia?

{ 3 comments… read them below or add one }

Edoardo March 11, 2010 at 10:03 am

11/03/2010 07:56
Dalle ore 6:31 la circolazione è interrotta ambito stazione di Milano Certosa (linea Milano-Novara) per un intervento tecnico agli apparati di circolazione causato da un furto di cavi di rame sulla linea.

Fonte Viaggia Treno

Reply

caterina March 1, 2010 at 8:14 pm

Io trovo che sia davvero frustrante che un treno non arrivi in orario. Fuori dal mondo. Se il treno ci mette di fatto sempre almeno 5 minuti in più del previsto, non possono cambiare l’orario e mettere quello VERO invece di inventarsi tempi di percorrenza che evidentemente non esistono?

Reply

Maurizio March 1, 2010 at 12:47 pm

Beh, una media di oltre 15 minuti al ritorno non è niente male…

Reply

Leave a Comment

Previous post:

Next post: