Trenitalia e il Frecciarossa in un fumetto: Trenitaja di ZeroCalcare

by Pendolando on January 16, 2012

Se un’immagine vale mille parole, questa esilarante storia a fumetti sull’esperienza di prenotazione online e di viaggio su di  un treno Frecciarossa varranno quanto: 10.000 ? 100.000 parole di questo blog?
Facciamo 50.000 e non parliamone più, altrimenti mi deprimo pensando a quanto tempo ho perso  finora a scrivere su questo blog di vita pendolare…

Se hai viaggiato almeno due volte su un treno Frecciarossa in vita tua, ci sono molte probabilità che, tra qualche minuto, se ancora starai leggendo questa pagina, ti ritroverai piegato in due dalle risate…

Lui si chiama Zerocalcare ed in sole quattro magistrali tavole (che io ripubblico spudoratamente qui sul blog al solo scopo di incuriosire il vasto pubblico di pendolando e di indurre quanti più navigatori possibile ad andarsi a vedere le altre tavole che ogni Lunedi l’autore pubblica sul suo bellissimo blog) riesce a raccontare alcune delle cose che, in modo più approssimativo e molto meno divertente , si è cercato di raccontare su questo blog in vari  modi negli ultimi 3 anni circa.

Auguro Lunga vita all’arte di ZeroCalcare + Mille di questi Lunedi (avrà fatto un botto di traffico oggi con questa storia e se lo merita tutto!! ) + Centomila copie vendute (almeno) per il suo libro: la profezia dell’armadillo .

Buona lettura!

 


Ti è piaciuta questa storia? Bene, se vai sul blog di ZeroCalcare puoi trovare altre storie e magari comprare pure il suo libro (136 tavole).

Non ti è piaciuta questa storia? Male, perchè significa che molto probabilmente tu sei QUO, il più odioso tra le giovani marmotte, che fa gli interessi dell’ azienda e indossa un castoro morto in testa. :-)

No related posts.

{ 1 comment… read it below or add one }

Giovanni February 3, 2012 at 10:44 pm

Salve. Scusa se approfitto del tuo spazio per segnalarti un sito che curiamo io e alcuni amici: http://www.stazionidelmondo.it/ su stazioni e linee ferroviarie. Ciao, Giovanni.

Reply

Leave a Comment

Previous post:

Next post: